Sistema elettorale USA

USA, come funziona il sistema elettorale

USA 2012

Diritto al voto

Votano tutti i cittadini americani che hanno compiuto i 18 anni e che siano iscritti alle liste elettorali;

Requisiti dei candidati

I candidato alla Casa Bianca deve rispondere a tre requisiti costituzionali fondamentali:

  • avere almeno 35 anni;
  • essere cittadino americano;
  • residente negli Stati Uniti da almeno 14 anni.

Election Day

E’ Il giorno delle elezioni presidenziali e ricorre il martedì successivo al primo lunedì di novembre.

Inauguration Day

Il 20 gennaio dell’anno successivo a quello delle elezioni, ovvero il giorno in cui  il mandato del nuovo presidente eletto inizia.

Sistema elettorale

Gli Stati Uniti utilizzano il cosiddetto sistema indiretto, vale a dire: non è il numero dei voti dei singoli cittadini a determinare il candidato eletto, ma il voto dei cosiddetti “grandi elettori“.

  • Voto popolare è il voto dei singoli cittadini e viene contato per ogni singolo Stato. Sostanzialmente, alle urne i cittadini esprimono la loro preferenza per uno dei due candidati, lo spoglio del voto popolare nomina, per ogni Stato, i “grandi elettori” ad esso associati e legati ad uno dei due candidati.
  • I “grandi elettori” sono un’assemblea di 538 membri tra senatori e deputati che, eletti indirettamente mediante il voto popolare, voteranno per il candidato alla Casa Bianca. Teoricamente, i grandi elettori associati ad un candidato, voteranno per quello e, molto sommariamente, il candidato che otterrà 270 voti dei grandi elettori sarà designato come il nuovo Presidente degli Stati Uniti.

Spogli elettorali

Negli Stati Uniti, la notte degli spogli elettorali viene seguita dalle emittenti televisive e dal webcasting, oltre ai social network che sono stati molto utilizzati nelle presidenziali 2012 anche in campagna elettorale:  Twitter in una notte ha stabilito record di tweet e Facebook ha riportato in tempo reale statistiche sugli elettori attraverso una mappa interattiva.

Stati Uniti vs. Italia

Il presidente in Italia è votato in modo differente. Ecco le principali differenze:

Stati Uniti Italia
Deve avere almeno 35 anni Deve avere almeno 50 anni
Viene eletto dai grandi elettori Viene eletto dal Parlamento e da una rappresentanza di consiglieri regionali
Resta in carica 4 anni Resta in carica 7 anni
Può essere rieletto soltanto per una seconda volta Non ci sono limiti alla rielezione
In caso di morte/dimissioni, subentra il vicepresidente In caso di morte/dimissioni viene eletto un nuovo presidente
Non può sciogliere il Congresso Può sciogliere il Parlamento o una delle Camere
E’ capo dello Stato e capo del Governo E’ capo dello Stato e nomina il capo del Governo
Nomina i 9 giudici della Corte Suprema Nomina 5 dei 15 giudici della Corte Costituzionale
Al termine del mandato torna ad essere cittadino privato Al termine del mandato diventa senatore a vita (se accetta la nomina)

Congesso USA e parlamento italiano a confronto:

Il Congresso degli Stati Uniti Il Parlamento italiano
Il Congresso degli Stati Uniti è composto dalla Camera dei rappresentanti e dal Senato. Il Parlamento italiano è composto dalla Camera dei deputati e dal Senato.
 I deputati della Camera dei rappresentanti sono 435. Ogni stato ne ha un numero proporzionale alla popolazione. I deputati della Camera sono 630. Ogni regione ne ha un numero proporzionale alla popolazione.
Può diventare deputato chi ha 25 anni e può votare per la Camera chi ne ha 18. Può diventare deputato chi ha 25 anni e può votare per la Camera chi ne ha 18.
I senatori sono 100, due per ogni stato indipendentemente dalla popolazione. I senatori elettivi sono 315. Ogni regione ne ha un numero proporzionale alla popolazione.
Può diventare senatore chi ha 30 anni e può votare per il Senato chi ne ha 18. Può diventare senatore chi ha compiuto 40 anni e può votare per il Senato chi ne ha 25.
Non ci sono senatori a vita. Ci sono senatori a vita.
Ogni due anni, senza eccezioni, vengono rieletti tutti i deputati della Camera dei rappresentanti ed un terzo dei senatori. Sia i deputati che i senatori restano in carica cinque anni, tranne che nel caso di scioglimento anticipato del Parlamento.
Il Congresso non dà né toglie la fiducia al Presidente, ma è obbligatorio il sì del Senato per la scelta dei ministri. Il Presidente del consiglio dei ministri deve ottenere e mantenere la fiducia sia della Camera sia del Senato.